Complici del silenzio

Complici del silenzioTrama: Maurizio Gallo, un giornalista sportivo italiano e Ugo, il suo fotoreporter sbarcano a Buenos Aires come inviati al Mundial di Calcio del 1978. L’evento sportivo, su cui si stanno accendendo i riflettori di tutto il mondo, è l’occasione per la Giunta militare di Videla per far cadere nell’ombra le gravissime violazioni dei diritti umani che va perpetrando. Maurizio Gallo ha anche il compito di consegnare una busta contenente del denaro ad Ana, ex moglie di un argentino emigrato in Italia. L’incontro tra i due, il giorno dell’inaugurazione del Mundial, è amore a prima vista. Ma Ana è membro clandestino di una formazione guerrigliera che si oppone alla dittatura.

Regia: Stefano Incerti

Attori: Alessio Boni, Giuseppe Battiston, Florencia Raggi

Commento: Ambientato durante i mondiali di calcio del 1978, questo film parla della crudeltà della dittatura militare attuata in Argentina in quegli anni. Nel lanciare il suo atto d’accusa il cineasta mostra subito ad inizio film quanto la situazione appaia chiara agli stranieri già dall’arrivo in aeroporto, dove la stampa internazionale viene accolta da un “corridoio” di soldati schierati su due file. Maurizio Gallo(Alessio Boni), è un giornalista italiano che è stato inviato in Argentina per seguire i mondiali di calcio. Il giornalista appena mette piede nel paese decide di andare a trovare dei parenti. Dopo la “rimpatriata” incontra una donna per consegnarla una busta contenente dei soldi. Maurizio si innamora a prima vista della bella Ramirez(Florencia Raggi), ma non sa che la donna è membro clandestino di una formazione guerrigliera, che si oppone al regime militare. Si ritroverà sua malgrado nelle prigioni dei “desaparecidos”.  Questo film è un omaggio ai circa 30 mila scomparsi sotto il regime militare argentino tra il 1976 e il 1983. Da vedere assolutamente. La frase più significativa: “Qui, quando la verità viene fuori guarda caso gronda sangue”.

Voto: 7

Commenti